Silent’s Backstage #3

La solitudine lo aveva assalito e divorato ed alla fine si trovò dentro, assorbito da questa, fino a diventare invisibile. Non riuscì ad essere più forte della sua malinconia ed i rimpianti diventarono la matrice creativa della propria solitudine. A pochi sguardi di distanza da quegli occhi che lo avevano amato, era un perfetto sconosciuto: invisibile. Lei era lì, (2015);  pag. 52

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...