Liebster Award? Perbacco

Il Liebster Award è un premio per i migliori blog emergenti che conosciamo, ogni persona nominata può a sua volta nominare come vincitori del premio altri 10 blogger, e cogliere così occasione per farsi conoscere da loro e far conoscere i loro blog.

Io, inaspettatamente, in un momento delicato “di passaggio”, nel quale vorrei decidere impegni e priorità, ho ricevuto da Papillon l’onore di essere indicato come blogger emergente. Wow. Non nascondo il sospetto che si tratti di un espediente per farmi tornare in pista ed evitare la pausa (non certo di riflessione) che mi ero “imposto”. Posso solo dire: grazie Papillon. Per la stima e la fiducia.

https://papillon1961.wordpress.com/

Adesso prima di indicare (cerco di evitare – quando posso – termini di “importazione”: spesso trattasi di contrabbando) quali altri blogger mi piacerebbe veder alla “ribalta” insieme a me, rispondo alle domane di rito.

Perchè hai aperto un blog?

All’inizio la finalità era orientata a dare contributi sulla educazione dei figli: ero incappato in una serie di osservazioni che avrei gradito “denunciare” o quantomeno mostrare al fine di evitare errori. In poco tempo mi sono accorto che il filone non “attirava” alcuna attenzione anzi, nessun interesse e quindi l’ho dirottato verso i pochi (studenti) interessati alla psicologia evoluzionistica e solo di recente per esprimere la mia indignazione verso alcuni aspetti della nostra Nazione nell’ipotesi di condividere talune considerazioni, alla maniera degli Stati Uniti, e far crescere la voce: fare paura. Accendendo la radio mi sono accorto di non essere negli Stati Uniti e la spinta si è dissipata.

Ci parli un po’ delle tue passioni?

Non ho (più) passioni, le ho inserite (tutte) dentro la mia vita: una dopo l’altra. Le ho consumate per bene. Vivendole e vivendoci: la mia vita è stata riempita dalle mie passioni. Non ho dovuto ritagliare un tempo per loro. Le ho abbracciate tutte all’interno della mia (lunga) vita: musica, scrittura, ricerca scientifica, applicazione educativa, pittura, filosofia, viaggi. La lettura non è mai stata una passione ma uno strumento di conoscenza. Giornaliero.

Quanto pensi che i commenti e le interazioni siano utili per un Blogger e in che modo?

I commenti sono fondamentali, restituiscono sapore e valore alla dinamica relazionale; il post non è una “pagina di diario” personale, sterile, ma è un modo per creare legami, interazioni. Da vecchio musicista non posso pensare di “suonare dal vivo” senza un pubblico. La gente, la società è costituita da persone (tante) di gran lunga migliori delle persone che la governano e di quelle che, grazie alle prime, la derubano. La vita è “arte dell’incontro”; poter dialogare con persone che vivono in ambienti e realtà diverse, ognuno con le sue esperienze di vita, originali, permette veramente di crescere: fino alla fine. La velocità dialogica è elevatissima e bisogna saperla utilizzare in maniera propria.

Di cosa parli nel blog?

Educazione, informazione manipolata (quella che rappresenta il pasto degli idioti), giustizia sociale, scienza e (ahimè) anche di “me”: dei sentimenti di cui mi sono nutrito. Cerco di trovare argomenti in grado di stimolare una visone più critica: meno “orientata” al luogo comune. Denuncio quei modi verbali in grado di “governare”: oppio che i media televisivi spacciano per medicina sociale. La cultura del niente e del nulla: il vuoto esistenziale.

Hai creato un rapporto di amicizia con altre blogger?

Non capisco perché la domanda è formulata (volta) al femminile, di certo è un refuso di stampa e non un lapsus. In ogni caso: non è nata ancora amicizia ma sento che con molti/e ci sia una potenziale propensione a diventarlo. Sarebbe fantastico.

Vi siete mai conosciuti personalmente?

Il “virtuale” mi sta stretto anche se è un argomento che ho trattato molto nel corso della mia vita; una via di mezzo potrebbe essere “sentirsi” al telefono o via Skype. Sarebbe bello.

Come immagini il tuo blog tra due anni?

Non riesco ad immaginarlo antiquato ma temo possa diventare inutile: spazzato via dalle nuove tendenze fashion; le “fashion blogger” stanno scalando la classifica. Una nicchia? No, troppe nicchie fanno un “groviera”. Meglio chiudere.

Vorresti vederlo crescere o cambiare e in che modo?

Certo, ogni figlio proprio deve crescere e vorremmo che crescesse al meglio ma prima o poi dovrà andare via (da casa). Cambiare? Probabilmente, forse, ma sempre in “linea” con la mia personalità. Fortemente ribelle. Viva.

La cosa che sai fare meglio?

Stare zitto quando non ho nulla da dire. Ascoltare la persona che amo. Leggere quando non ho da scrivere e passeggiare quando non ho idee. Dare giusti consigli alle amiche (separate) sempre a “rischio” di relazioni insabbiate. A dire della mia ex moglie però non so fare nulla: chissà?

Quanto tempo dedichi al blog?

Non lo sostituisco alla vita reale ma lo diventa in alcuni giorni. Mi piacerebbe scrivere giornalmente ma non lo faccio; non vorrei diventasse un quotidiano. Scrivere quando c’è bisogno di farlo. Sempre. Soprattutto quando è necessario. Di certo lo “nutro” giornalmente dentro la testa.

Come nascono i tuoi post?

Il fatto di non dover stare lì a pensare di dover scrivere qualcosa fa in modo che quel che diventa, poi, un “post” sia il risultato di una creazione che nasce da ciò che colpisce la mia/nostra sensibilità umana. Dall’indignazione di denunciare un fatto (politico) sociale, di cronaca, alla descrizione di un evento artistico o una particolare emozione (quelle classificate come tali) in grado di invadermi così profondamente da volerla, o doverla, condividere. In ogni caso deve “superare” il livello di interesse atteso.

Ed ora le “nomination” (il termine però fa fico):

  1. http://gallicharl.wordpress.com/
  2. https://tuttoilmondoateatro.wordpress.com/
  3. https://numero091277.wordpress.com/
  4. https://nazariadb.wordpress.com/
  5. https://pendolante.wordpress.com/
  6. https://ilmiokiver.wordpress.com/
  7. http://evaporata.wordpress.com/
  8. http://callmeleuconoe.wordpress.com/
  9. http://my3place.wordpress.com/
  10. https://bluele2punto0.wordpress.com/

Sono rimasti “fuori” altri blogger che seguo ed apprezzo moltissimo (qualcun altro, come Harrison Fiat, è “sparito”) ma sono certo che riceveranno anche loro questo regalo, a breve. Grazie a tutti.

Grazie ancora Papillon.

Come partecipare?

– Rispondere alle 10 domande.

– Nominare altri 10 blog (meglio se con meno di 200 follower).

– Comunicare la nomina ai 10 blogger scelti.

Renato Gentile

Annunci

13 thoughts on “Liebster Award? Perbacco

  1. Grazie a te Stelio,
    Mi ha fatto un grande piacere gustare le tue risposte. Ci tengo a precisare comunque che non avevo capito che avrei dovuto scrivere dieci domande diverse da quelle che mi sono state poste. Sarebbero state veramente diverse; senza offesa per nessuno ma ho creduto fossero standard.
    Le tue risposte, come sempre, sono un post, firmato Stelio. Naturalmente.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...