Gemelli & Orgasmo

Il mistero dell’evoluzione dell’orgasmo femminile si colora viepiù.

Sesso reggio emilia

Sesso reggio emilia (Photo credit: Wikipedia)

Costantemente. L’orgasmo, si sa, tiene svegli… anche se sappiamo che si può avere l’orgasmo anche da morti. Intendo proprio dire da defunti: quelli cioè che non si svegliano più e non quelli che al mattino scivolano dal letto, preparano il caffè ed escono di casa per andare al lavoro.

Compito per casa: vi invito a scoprire il nome di questo riflesso.

Come ben sappiamo i biologi ma anche gli psicologi (per carità non dimentichiamoci di loro) evoluzionisti non sono riusciti, ancora, a definire se l’orgasmo si sia evoluto per dare alle donne una spinta riproduttiva, o se è semplicemente un sottoprodotto (byproduct) evolutivo dell’orgasmo maschile. Questo termine tradotto in lingua italiana (non certo da me) suona molto maschilista; io preferisco utilizzare il termine “effetto secondario”.

L’ultimo tentativo, recente, per cercare di risolvere la controversia ha coinvolto nello studio circa 10.000 soggetti, tra coppie di gemelli e coppie di fratelli, per valutare le loro abitudini sessuali. Un classico disegno di ricerca quando si vuole mettere a tappeto la Natura o la Cultura.

Se l’orgasmo femminile è un semplice sottoprodotto dell’orgasmo maschile allora alla base della medesima funzione ci saranno geni simili riscontrabili sia negli uomini che nelle donne; pertanto (di conseguenza) i gemelli di sesso opposto e fratelli distinti certamente condivideranno maggiori somiglianze nel loro suscettibilità orgasmica rispetto alle coppie di persone indipendenti.

In linea con i risultati delle ricerche precedenti, Zietsch e Santtila (sono questi i due ricercatori) hanno ipotizzato che gemelli identici dello stesso sesso avrebbero avuto maggiore somiglianza orgasmica rispetto a gemelli non identici dello stesso sesso e fratelli, mostrando così che i geni hanno un ruolo nella funzione orgasmica fornendo pertanto qualche evidenza al fatto che lo scenario del sottoprodotto potrebbe essere corretta.

Tuttavia, contrariamente alle aspettative dei sostenitori del sottoprodotto, i due ricercatori hanno scoperto che i gemelli di sesso opposto e fratelli non gemelli, non presentano alcuna correlazione di abilità orgasmica (orgasmability). Ma guarda.

“Questo indica che i geni che influenzano la funzione orgasmica negli uomini non sono gli stessi di quelli delle donne”. In altre parole, orgasmo maschile e femminile si sono evoluti secondo vie “genetiche” (si insiste) diverse e l’ipotesi del sottoprodotto non è corretta. Finalmente.

Da queste conclusioni, naturalmente, è nato un vero fermento teoretico: una marea di commenti e divergenze. Il dibattito cresce e riprende la sfida: un nuovo festival per i Peeping Tom.

Chi, come me, rimane ad osservare il susseguirsi delle dinamiche teoretiche-sperimentali si diverte un mondo: la scienza è anche questo. Divertimento.

Forse bisogna provare con un altro segno Zodiacale. Toro?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...